Copyright © Hellas Live di Alberto Fabbri

Poesia dedicata a… Michele Cossato

Era mitico Cossato
gran leone lì nel prato
che esaltava i suoi tifosi
con gollazzi strepitosi.
Giocatore pien d’orgoglio,
nel terreno come foglio,
stampava reti in tutti i modi
pei tifosi al Bentegodi.
Attaccante vecchio stampo
scatenato in mezzo al campo
in carriera diede tutto
fin dal magico debutto.
Pur cambiando varie maglie
mai smorzò le proprie voglie
di buttar dentro la palla
col portiere che traballa.
Sto ragazzo latte e miele
sputò sangue e pure fiele
per la maglia che indossata
sulla pelle era stampata.
E quel gol dello spareggio
nella testa trova alloggio 
restituendo con grandezza
al Verona la salvezza.
Che cosa dirti gran Michele,
con te ho visto “cielo e stele”
ogni gol che tu hai fatto
ho nel cuor ben stampato. 

TalmassonsPietroDavide
Tuttiidirittiriservati24062015

Contenuto offerto da :




Commenta la notizia

Prima di commentare, dai un'occhiata al regolamento cliccando qui.

Commenta