Copyright © Hellas Live di Alberto Fabbri

Giochi del Mediterraneo, Italia-Marocco 2-1, Azzurrini in finale. Il gialloblù Patanè in campo all’80’

A Sig (Algeria) è grande festa per la Nazionale Under 18, che con il 2-1 al Marocco accede alla finale dei Giochi del Mediterraneo. Dopo aver chiuso al primo posto il Gruppo B, anche in semifinale la squadra di Daniele Franceschini si è fatta trascinare (così come era già successo nel girone) da Antonio Raimondo, attaccante del Bologna, autore della doppietta decisiva che ha steso i marocchini, a cui non è bastato accorciare le distanze nei minuti di recupero su calcio di rigore. Tra l'Italia e la medaglia d'oro (in caso di sconfitta, ovviamente, ci sarebbe l'argento) c'è solo la Francia, che nella prima semifinale ha battuto 2-0 la Turchia. L'appuntamento è per lunedì alle ore 21.30 italiane al Complexe Olympique di Oran: l'Italia va quindi a caccia del quinto oro, a distanza di 25 anni dall'ultimo conquistato nel 1997, mentre gli Azzurrini tornano in finale quattro anni dopo la medaglia d'argento conquistata a Tarragona. 

L'Italia è partita forte: Lantaki, dopo pochi minuti, ha anticipato Raimondo che si stava preparando per calciare a rete, poi al 6' è stato Ignacchiti a calciare alto di sinistro. Altra occasione per Raimondo poco dopo: Accornero ha preso il tempo in velocità ad Ammal e ha servito un pallone in mezzo al centravanti azzurro, che però ha esitato troppo al momento di calciare favorendo la parata di Mago. Dall'altra parte, si è fatto notare anche il portiere azzurro Mastrantonio, in uscita su Baallal e, al 39', con un colpo di reni sul colpo di testa di Sadik. 

L'approccio alla ripresa dell'Italia è stato simile a quello del primo tempo, con la differenza che al 55' è arrivato il gol che ha sbloccato il risultato: assist perfetto di Accornero per Raimondo, che stavolta non ha perdonato e con un tocco sotto ha messo il pallone in rete. Niente in confronto al capolavoro di sei minuti più tardi: Raimondo ha controllato un lancio dalle retrovie, ha saltato mezza difesa marocchina e segnato il raddoppio. L'Italia ha difeso bene il risultato, subendo il gol del 2-1 soltanto nel terzo dei cinque minuti di recupero, con il calcio di rigore di Khalifi. Ma al fischio finale, scene di grande gioia per l'Italia, che lunedì ha un appuntamento con l'oro. Fonte e foto: figc.it

Contenuto offerto da :




Commenta la notizia

Prima di commentare, dai un'occhiata al regolamento cliccando qui.

Commenta