Copyright © Hellas Live di Alberto Fabbri

Fine primo tempo, Sassuolo-Hellas Verona 0-2

Al Mapei Stadium, l’allenatore gialloblù torna ad avere a disposizione tutti i giocatori (dieci, ndr) risultati positivi al Covid-19, Hellas Verona che si presenta col consueto 3-4-2-1 composto da Montipó, Ceccherini, Gunter, Casale; Depaoli, Tameze, Veloso, Lazovic; Caprari, Barak; Simeone. 

A Reggio Emilia, partita n.250 in Serie A per Maurizio Setti da presidente del club scaligero e gara n.200 nel massimo campionato italiano per Simeone. 


Parte forte la squadra veronese, con Lazovic che dopo 2’, su invito di Caprari, guadagna il fondo sulla sinistra, palla in mezzo ma Consigli chiude. Al 4’ sinistro di Barak (50ª da titolare con la maglia gialloblù, ultima dal 1’ il 30 novembre, ndr) dal limite dell’area che si perde sul fondo. Ancora gialloblù pericolosi col trequartista ceco che mette in mezzo ma Chiriches allontana la minaccia. Pressing asfissiante della squadra di Tudor che al 6’ prima rischia con l’uscita di testa, fuori area, di Montipó su Scamacca, poi sul contropiede Caprari serve un ottimo pallone a Simeone ma l’attaccante argentino si allarga troppo e calcia sul fondo. Un minuto dopo, il traversone di Depaoli attraversa tutta l’area dei neroverdi, il Sassuolo riesce in un primo momento a chiudere, ma il pallone dopo una serie di rimpallo arriva a Ceccherini che, sbilanciato, non trova la porta. Al 12’ il tiro di Barak viene respinto da Chiriches, mentre Lazovic al 14’ si accentra ma calcia sugli spalti. Passa un minuto e arriva il tiro-cross da posizione defilata di Caprari che obbliga Consigli a chiudere in calcio d’angolo. Ennesima splendida azione degli scaligeri al 16’, con l’assist d’esterno di Lazovic per il colpo di testa vincente di Gunter, ma il fuorigioco annulla la gioia del vantaggio, dopo il consulto al Var. Il Sassuolo si affaccia timidamente con Kyriakopoulos al 20’ che spara in curva, ma cinque minuti dopo brividi quando scivolano sia Montipó che Frattesi, ma per fortuna è decisiva la caduta del neroverde. Al 29’ sinistro impreciso di Barak che non impatta bene col pallone, ma è Raspadori a cercare il jolly da metà campo, con Montipó obbligato a chiudere in corner. Ferrari, in tuffo di testa, non trova la porta al 31’, ma è l’Hellas Verona a passare con merito in vantaggio al 38’, dopo due minuti di consulto al Var, grazie al settimo gol in campionato di Caprari, il terzo nelle ultime tre giornate. Assist di Barak e diagonale vincente di sinistro dell’ex Sampdoria che supera Consigli. Arriva anche il raddoppio al 44’, grazie al sesto gol in campionato di Barak, fortunato nel rimpallo di Rogerio che batte Consigli. Sono 2’ di recupero e nel finale, tentativo anche di Casale che si perde sul fondo. Hellas Verona che chiude col tiro di Tameze bloccato dal portiere neroverde.

Contenuto offerto da :




Commenta la notizia

Prima di commentare, dai un'occhiata al regolamento cliccando qui.

Commenta