Copyright © Hellas Live di Alberto Fabbri

A Verona gli anni più belli. Tifosi siete unici!

L'ex capitano dell'Hellas Verona, Domenico “Mimmo” Maietta racconta le sue emozioni.

“A Verona ho lasciato soltanto amici. A dir la verità qualcuno ha tradito e altri se ne sono andati, ma non si può avere tutto dalla vita. A Verona ho vissuto gli anni più belli della mia carriera di calciatore e di uomo. A Bologna mi rispettano molto perché non ho mai nascosto questa verità. Alla fine dello spareggio con il Pescara ho ribadito il mio amore per i colori gialloblù e per i tifosi dell'Hellas. Se me ne sono andato da Verona non è stata una scelta mia e nemmeno del mister. Qualcuno ha parlato troppo su questa storia e ci ha richiamato pure. Sento spesso Hallfredsson, Rafael, Gomez, e Nicolas. A Tachtsidis ho ceduto il mio appartamento in affitto a Verona. Insomma il gruppo storico é questo più che qualche altro. Con Mandorlini abbiamo fatto qualcosa di eccezionale dalla C alla A. Resterà nel mio cuore e non vedo l'ora di giocare a Bentegodi per riabbracciare tutti. Verona è nel mio cuore ed i tifosi sono unici. Giovanni Martinelli è stato un uomo coraggioso, il club è diventato importante e sono felice per il presidente Setti, che ha investito molto in tempo e denaro. Società e squadra sono cresciuti insieme e spero che ciò avvenga anche a Bologna. Avete visto? Nemmeno un anno e ci ritroviamo. Bellissimo. Cacia? Da quando non è più a Verona gli è cresciuto il naso ancora di più (ride, ndr). Saluto tutti i tifosi, e il mio caro amico Coppola. Un grande uomo ed un grande portiere. Aiuterà Rafael e Gollini, ne sono sicuro. Cosa porterò sempre dentro il mio cuore? Le due promozioni ed il gol di Torino”.

Fonte: L'Arena

Contenuto offerto da :




Commenta la notizia

Prima di commentare, dai un'occhiata al regolamento cliccando qui.